venerdì 16 aprile 2010

Il Blues 2.0

Mio papà ha l'ipod in macchina.
E' più avanti di me! Io viaggio ancora a cd e lui non li usa più da anni!
Settimana scorsa mi ha chiesto nuova musica per il lettore e così mi sono messo a lavoro.
In realtà per nuova musica lui intende, la musica dei suoi tempi rimasterizzata, digitale e soprattutto live.
Lui ha vissuto l'epoca di Elvis, dei Beatles, degli psichedelici Vanilla Fudge, dei Creedence, di Hendrix etc.
E' normale che abbia sempre ascoltato ottima musica nel corso di tutti questi anni, anche se, da quello che ho capito, il suo genere preferito rimane il Blues.

Ovviamente, la sua musica ha influenzato anche la mia crescita e grazie a lui, non ascolto canzoni di merda ;-).
Nel suo Pod, ho messo anche una canzone che alcuni di voi conosceranno già.
L'autore si chiama Robert Johnson ed è forse il Bluesman più misterioso della storia.

La leggenda narra che abbia venduto l'anima al diavolo in cambio della capacità di poter suonare la chitarra come nessun altro al mondo (se vi interessa conoscere questo personaggio, trovate la sua bio qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Robert_Johnson ).

La canzone originale si chiama "Crossroad" ed il testo, vanta numerose interpretazioni trasversali.
L'incrocio, in questo pezzo, per alcuni rappresenta un punto di svolta, per altri, il luogo in cui Johnson incontrò il diavolo che gli diede il dono e così via.

La versione che ho messo nel Pod di mio papà è una cover che si chiama "Crossroads" ed è stata suonata dai Cream (capitanati dal saggio Eric Clapton)durante un live del 1968.

Quella che propongo a voi invece, è la versione 2.0 di John Mayer che potete trovare nel cd "Battle Studies" del 2009.

In tutte le versioni questa canzone è "preziosa"! Il fatto che dagli anni 30 ad oggi non sia stata ancora dimenticata, mi lascia pensare che Johnson lo fece veramente il patto con il diavolo!!!

A questo punto mi chiedo, se fosse possibile, accetterei di stipulare un contratto con il Boss degli Inferi? Che cosa potrei chiedere?
Voi lo siglereste il contratto? Se sì, cosa sarebbe l'oggetto della vostra transazione "demoniaca"??

Lasciando da parte quest' atmosfera di mistero e misticismo degna del buon Giacobbo di Voyager, vi invito ad ascoltare questa canzone e a comprarvi questo disco che ha un groove veramente pazzesco!!!
E' il mio consiglio del venerdi!
Una volta ascoltata Crossroads, non tornerete più indietro!

Buona giornata a tutti, ci si vede giù all'incrocio ;-)

L.

10 commenti:

sospesanelviola ha detto...

beh io sarei fiera di un papà così!!!mio padre tutti questi personaggi non sa nemmeno chi sono!!!
(e a dir la verità neanche io...mayer però l'ho ascoltato,ha una voce che ricorda ben harper e jack johnson a mio avviso)

per quanto riguarda il patto con il diavolo...beh io lo farei per un pò di cose del tipo:
imparare a suonare uno strumento musicale, una lingua internazionale e viaggiare per il mondo!

Lou ha detto...

Eh sì, sono fortunato davvero!! Su John hai ragione, ha anche la voce simile a qualcun'altro, che non ho ancora capito chi è.. :-)

Bè però i tuoi desideri sono facilmente risolvibili! tranne viaggiare per il mondo che è un pò costoso!! Secondo me puoi fare a meno del patto :-)

Ruby ha detto...

Ho appena scoperto il tuo blog e devo dire con un articolo molto interessante. Di Blues ho giusto un paio di cd, così come di Jazz, poichè tutti i miei risparmietti sono concentrati per la mia grande passione musicale: il Country.
La storia di Robert Johnson però la conoscevo già, tempo fa mi ero messa a leggere in rete vari articoli sulla storia del Blues. Amo la storia di taluni generi musicali, perchè conoscendola si capisce che non è semplicemente musica 'per vendere' come va tanto, ahimè, di moda adesso. Tu sei stato fortunato, davvero. Tuo padre ti ha lasciato in eredità l'amore per una musica che è molto più di questo. Il mio mi impediva persino di ascoltare la radio, tranne che la domenica mattina se aiutavo mamma a fare i lavori di casa. E ascoltavamo i programmi della Rai, dove mandavano un pò di tutto Elvis compreso. Questo blog è stato davvero una piacevole sorpresa, mi iscrivo subito fra i lettori fissi così non ti perdo ;-)

Kylie ha detto...

Io sono più indietro di tutti, con la tecnologia faccio a pugni quotidianamente.

Lou ha detto...

@ Ruby: grazie mille per avermi trovato! Grazie davvero.
E così sei appassionata di Country. Piace anche a me, mi ci sono avvicinato con Conor Oberst, in realtà non è proprio Country il suo, diciamo che è un po' 2.0 :-) Forse trovi qualcosa su di lui nei post un pò vecchi se non sbaglio!
Scusami il ritardo con cui ti scrivo ma in questi giorni non riesco mai a connettermi!!! Spero di ritrovarti presto :-)

@Kylie: il buon vecchio giradischi vince su qualsiasi canzone digitale :-)

Lu ha detto...

Ciao Lou, son sempre Ruby solo che ho cambiato account. Ho tolto il nick Ruby che oramai mi portavo dietro da troppo ed ho ricominciato, diciamo così, con l'abbreviativo del mio nome vero.
Devo ringraziarti io, altrochè! E' sempre un piacere trovare persone con le quali scambiare opinioni sulle proprie passioni ;-)
Conor Oberst lo conosco poco, se non erro il suo è un sound fra l'Indie e l'Alternative Country, o sbaglio? Uhm...
Sul mio blog posto un pò tutte le mie passioni: libri, cinema, cucina e Country, perciò se spulci trovi qualche articoletto che magari ti può interessare come quelli dedicati alla storia del Country.
Io pian piano mi leggo tutto il tuo :-)
Ti seguo anche su Twitter e su Facebook, anche non li uso molto spesso.
Ti auguro una buona giornata. Al prossimo giro!

Anonimo ha detto...

se il disco di john mayer ha groove io sono Paolo Bonolis in bimbumbam. è un ottimo disco , davvero bello, ma il groove ha un significato che non si avvicina proprio a mayer. bravissimo e ottimo disco, ripeto, half of my heart e assassin capolavori, ma il groove, ripeto... il GROOVE è un altro pianeta

e tu non la vendi l'anima al diavolo?

Lou ha detto...

@ Lu: hey! oggi pomeriggio vengo a fare un giro da te!! sono sicuro ci saranno un sacco di cose interessanti da imparare! Grazie mille dei vari "follow" e Rock on!!

@ anonimo: ciao! hai ragione, ho sbagliato a contestualizzare il termine, intendevo altro ;-).
Almeno siamo d'accordo che sia un gran disco!

giovanearrogante ha detto...

ero all'incrocio e ho trovato questo blog :)
bellissimo!

Lou ha detto...

@ giovanearrogante: respect! grazie per essere passato ;-)

Posta un commento